venerdì 10 luglio 2020

Giornali che incitano all'odio verso gli stranieri

Capisco, mi rendo conto. E mi dispiace. Più a me, credimi.
Sarà a causa del recente cambio di dirigenza – e quindi di orientamento e soprattutto interesse politico – ma suppongo ti saresti figurato di trovarci Libero o Il Giornale (che è tutto tranne che tale…), in questo post.
Invece sto parlando di Repubblica…

Ecco il titolo famigerato: Migranti, assalto a Lampedusa: dieci sbarchi in 24 ore. Arrivano in 570, l'hotspot pieno non può ospitarli per la quarantena.

Fermiamoci alle prime quattro parole: Migranti, assalto a Lampedusa.

E ora figurati quali eco scateni un titolo del genere
nei crani più o meno disabitati di molti nostri concittadini.
Laddove a farla da padroni siano la paura e l’ignoranza, malesseri e frustrazioni personali, astio per se stessi e la propria vita - più che per il prossimo - al posto di migranti avresti potuto scrivere nell’ordine casuale: alieni, pirati saraceni, zombie, zanzare assassine e vespe killer, vampiri dallo spazio, otre a ragni, ratti e scarafaggi giganteschi. L’effetto sarebbe stato lo stesso: aumento della cieca e immotivata intolleranza verso chi si ritenga diverso da “noi”.
Il dramma è che coloro che ne pagheranno lo scotto sono esseri umani in carne ossa, e non spauracchi e mostri inventati per spaventare sui libri e nei film...

Leggi altro su “Il dono della diversità”, Tempesta Editore

Nessun commento:

Posta un commento