mercoledì 3 giugno 2020

Il futuro sconfiggerà il razzismo

Si può odiare di più la voce di una bomba?
Certo, quando lascia alle spalle i morti, insieme alle macerie.
Benedetta debolezza.
La buona sorte volle che la nostra casa fu rasa al suolo nel momento in cui eravamo entrambi all’esterno.
Mentre ne osservavo i resti maciullati dall’ordigno, piangevo e ridevo allo stesso tempo, abbracciavo terrorizzata Hash e lo baciavo ebbra di felicità.
Benedetta fragilità.
Hash era senza fiato, senza parole, incapace di
muovere un muscolo mentre fissava le pietre fumanti e immaginava il suo amore distrutto sotto di esse.
Un’incontenibile angoscia bruciava nel suo petto e solo le mie lacrime riuscirono a sedarlo.
Benedetta anima di cristallo.
Benedetta me.
E fortunato Hani.
Sì, fortunato, davvero, figlio mio. Malgrado i razzisti, nonostante il vuoto alle spalle e nel cuore, sebbene tutto attorno a te si danni l'anima pur di farti sentire diverso, tu sei ciò che manca al domani. Tu sei il futuro di cui il mondo ha bisogno, poiché il presente non è riuscito a ucciderti ed è per questo che sopravvivrai al passato...

Leggi altro su "Nostro figlio è nato", racconto dal libro Amori diversi, Tempesta Editore.

Nessun commento:

Posta un commento