lunedì 4 maggio 2020

Amori misti contrastati

Nonostante il giorno seguente l’attivista dei diritti civili che incontrarono non fu affatto incoraggiante, sebbene tutte le persone con cui parlavano si dimostravano comprensivi e solidali ma all’atto pratico poco fiduciosi sulle reali possibilità di ottenere la seppur minima vittoria, Mildred e Richard non mollarono mai, neanche per un attimo.
Si amavano e si erano sposati, punto. Il fatto che lei fosse nera e lui bianco non poteva e non doveva essere un ostacolo.

D’altronde era troppo tardi per tornare indietro. Se non altro, sapevano tacitamente che non avevano altra scelta per rendere merito alla purezza del sentimento che li univa.
Chiamatela intervento divino, fortuna, caso, dategli il nome che preferite, tuttavia, il 6 Novembre del 1963 l’Unione per le Libertà Civili Americane depositò una mozione a loro nome alla corte di primo grado per annullare l’iniqua sentenza, colpevole di essere contro il quattordicesimo emendamento.
Per chi non lo sapesse o, in questo momento non gli sovvenga, con il termine Emendamento si indica la proposta di parziale modifica di un disegno di legge.
Il quattordicesimo emendamento rappresenta una delle più importanti modifiche della Costituzione americana. Conteneva due importanti leggi, quella del Giusto Processo e quella sulla Parità di protezione. La prima è il principio secondo il quale il governo deve rispettare tutti i diritti legali di una persona, invece che solo alcuni o la maggior parte di essi. Nelle leggi degli Stati Uniti questo principio dà agli individui la capacità di far valere i propri diritti nei confronti di presunte violazioni degli stessi da parte dei governi. La seconda norma può essere vista come un tentativo di garantire che gli Stati Uniti fossero coerenti con l’assunto che davanti alla legge "Tutti gli uomini sono uguali".
L’azione dell’Unione per le libertà civili provocò una serie di cause che alla fine raggiunsero la Corte Suprema.

Leggi altro in "Loving contro Virginia", racconto dal libro Amori diversi, Tempesta Editore.

Nessun commento:

Posta un commento