martedì 18 febbraio 2020

Storie di matrimoni misti

Quasi esattamente un anno dopo, il ventotto ottobre del 1964, i Loving iniziarono una serie di azioni di classe nella Corte Distrettuale nei confronti del Distretto orientale della Virginia e il ventidue gennaio del 1965 la Corte decise di permetter loro di presentare i propri reclami alla Corte Suprema degli Appelli.
Inutile descrivere la gioia che esplose tra le mura del modesto appartamento in cui Mildred e Richard si riposavano dall’incessante battaglia.
In nome della Corte Suprema di Giustizia della Virginia, il giudice Harry L. Carrico si dimostrò da subito il più grande ostacolo nella lotta dei Loving. Carrico sottoscrisse inoltre la sua opinione sostenendo la perfetta legalità degli statuti contro i matrimoni misti, anti-Miscegenation, e confermò le incriminazioni.
Il giudice, tra le motivazioni, affermò che il caso non violava il quattordicesimo emendamento, nella fattispecie il principio di Parità di protezione, in quanto entrambi gli sposi, bianchi o meno,
erano stati ugualmente puniti per il crimine di Miscegenation.
Una volta lessi da qualche parte, non ricordo dove, qualcosa che successivamente risultò di una saggezza più che mai attuale. Suonava più o meno così: quando il nemico comincia a sparare cazzate il momento della riscossa si avvicina.
Difatti, il dodici giugno del 1967 la Corte Suprema degli Stati Uniti annullò la condanna con una risoluzione unanime, sovvertendo gli argomenti del Commonwealth della Virginia.
La Corte stabilì che lo statuto contro le coppie miste della Virginia violava sia la clausola del Giusto Processo che la Parità di protezione incluse, come già detto nel quattordicesimo emendamento.
Le parole di Mildred, pubblicate due anni addietro sul Washington Evening Star, quando il caso era ancora in sospeso, divennero automaticamente lo slogan di quella giusta sentenza: “Ci amavamo e ci siamo sposati. Non avevamo sposato lo Stato.”

Brano tratto da "Loving contro Virginia", racconto dal libro Amori diversi, Tempesta Editore.

Nessun commento:

Posta un commento